RUNNING

La corsa rappresenta una delle più importanti abilità motorie dell'uomo. Oltre ad essere una specifica disciplina sportiva con tutte le sue varianti (Maratone; Trail, Corsa su Pista, Ultra-Maratone etc..), rappresenta una delle principali forme di allenamento di atleti impegnati in diversi sport. Valutare le capacità di corsa da un punto di vista biomeccanico diventa fondamentale per garantire il miglior rendimento e prevenire infortuni da sovraccarico funzionale. Prosport11 si occupa infatti di studiare le capacità di corsa di tutti coloro che lo richiedono; dall'analisi della tecnica a quella dell'appoggio del piede, dalla potenza metabolica al controllo posturale. 

PROSPORT 11 ALLA UYN VERTICAL COURMAYEUR MONT BLANC 2019

Durante la due giorni di gare (K1000 e K2000), Prosport 11 è stata presente alla Stazione Pavillon Skyway, proponendo gratuitamente a tutti i partecipanti dei test di:

  •  valutazione stabilometrica proprocettiva (Misura degli spostamenti del centro di pressione, COP)
  • forze di reazione verticali durante il passo (vGRF)

ANALISI CINEMATICA DELLA CORSA CON RIPRESA VIDEO ED OPTOJUMP

Attraverso delle riprese video effettuate su più piani ed utilizzando appositi software di analisi siamo in grado di analizzare la tecnica e di confrontarla con modelli biomeccanici di riferimento. Eseguiamo un'osservazione globale e settoriale del movimento, analizzando gli appoggi del piede, l'assetto dell'arto inferiore, il controllo del tronco, il movimento degli arti superiori. L' utilizzo del sistema di barre ottiche "optojump" ci permette di misurare i tempi di volo e di contatto dei piedi, lunghezza del passo ed altri indici derivati. 

VALUTAZIONE DELLE CAPACITA' METABOLICHE - CONSUMO DI OSSIGENO, FREQUENZA CARDIACA E SOGLIA ANAEROBICA

Fondamentale è anche valutare le capacità aerobiche-anaerobiche durante la corsa, cosi da avere dei parametri di riferimento da utilizzare durante l'allenamento. Ci occupiamo di misurare il Massimo Consumo di ossigeno (Vo2max)  in maniera diretta attraverso il "Metabolimetro" e mediante protocolli personalizzati per le esigenze dell'atleta; contestualmente si misurano anche le frequenze cardiache che rappresenteranno il valore di riferimento  durante l'allenamento. Altri indici derivati come la Soglia Aerobica ed Anaerobica, il polso d'ossigeno ed il rapporto tra la ventilazione e VO2 vengono misurati per una analisi più approfondita. 

Se necessario si effettuano dei prelievi di piccole quantità di sangue per misurare la concentrazione di lattato ematico ed individuare in maniera diretta la Soglia Anaerobica individuale

Ulteriori valutazioni riguardano la misurazione del costo energetico durante la corsa per avere una stima accurata del dispendio calorico e per valutare l'efficienza del gesto tecnico in termini metabolici. Così come anche la misurazione del metabolismo basale e del consumo di ossigeno post-esercizio (EPOC), forniscono importanti informazioni in termini di integrazione pre e post-gara. 

Il trail running è una specialità della corsa a piedi che si svolge in ambiente naturale, generalmente su sentieri, non importa se in montagna, deserto, bosco, pianura o collina, con tratti pavimentati o di asfalto limitati che al massimo e in ogni caso non devono eccedere il 20% del totale della lunghezza del percorso. Normalmente questa attività è caratterizzata da una considerevole lunghezza dei percorsi oltre che dal superamento di dislivelli importanti, tanto positivi che negativi

Trail

Le gare di Trail Running con un percorso di lunghezza inferiore ai 42 km sono definite trail e sono caratterizzate in genere da dislivelli che si aggirano sui 3000 metri (positivi e negativi).

Ultra trail

Le gare di Trail Running il cui percorso superi i 42 km e/o i 4000 metri di dislivello positivo/negativo, sono genericamente definite Ultra o Ultra-Trail e, secondo ITRA, sono così suddivise:

  • tra i 42 ed i 69 km, trail ultra medium (M);
  • tra i 70 ed i 99 km, trail ultra long (L);
  • oltre i 100 km, trail ultra xlong (XL).

Endurance trail

Sono nate inoltre alcune competizioni che per le loro caratteristiche travalicano la classificazioni classiche. Si tratta di competizioni che si svolgono su lunghezze vicine o superiori alle 200 miglia (320 km circa) con dislivelli positivi/negativi superiori, anche di molto, ai 10 mila metri